Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Esse fanno pensare a una differente causalità, a una maggiore o minore sensibilità a certi fattori protettivi e dunque ad una dissimile risposta ai tentativi e terapeutici.

Come tutta la ricerca che riguarda il campo dei patimenti dell’anima, il rinvenimento di alcune regolarità non dà poi luogo a contrapposizioni rigide e  universali. Esiste invariabilmente il caso che contraddice la regola, pertanto nel parlare della differente declinazione della depressione nei sessi bisogna tener presente che non si tratta di verità assolute non confutabili. Ci si basa per lo più su osservazioni e ragionamenti che derivano dal contatto con una certa casistica e non riassumono dunque tutto il possibile.

Amore e depressione

Un dato che balza all’occhio è l’associazione depressione – solitudine sentimentale nella donna, collegamento che non si ritrova nell’uomo. Ciò non vuol dire che tutte le donne sole siano necessariamente depresse, ma che il sentimento depressivo, quando c’è, nella donna ha spesso come correlati l’assenza di una relazione affettiva stabile oppure la presenza di un rapporto di coppia gravemente compromesso. 

È raro incontrare una donna depressa che ama, è amata e vive una relazione affettiva. In un contesto del genere ella di solito si stabilizza. Può essere insoddisfatta, annoiarsi, sentire comunque delle mancanze ma difficilmente cade nel buco nero di stati profondamente depressivi. 

Cosa che non avviene per l’uomo: incontriamo frequentemente uomini molto amati, innamorati delle loro donne, consci di esserlo, inseriti in rapporti sentimentali di sostanza eppure inclini a crisi depressive fortissime, anche ai limiti dell’autodistruzione.   

Sembra quindi che ciò che protegge la donna, ovvero l’amore, non ripari assolutamente l’uomo dal male di vivere. Non è un caso che molte donne, consapevoli di quanto l’amore sia per loro una cura, spesso credono ingenuamente di poter salvare il partner dalle turbe depressive tramite la forza del loro amore.

Nei primi tempi del rapporto sicuramente l’uomo beneficia del contatto vitalizzante dell’amore, ma poi esso non basta più, anche quando è un sentimento che unisce stima, affetto e passionalità. La depressione lentamente torna a galla, diventando non solo impermeabile all’amore ma attaccandolo nelle maniere più insidiose. 

Freddezza ed indifferenza possono investire la compagna, che pure continua ad essere amata come il primo giorno, e ciò non per noia o capriccio o narcisismo. Quando la bestia nera si riattiva tutto scolorisce, persino l’intensità del sentimento.

Chi è più consapevole del proprio male di vivere, perché ha mezzi mentali di un certo calibro o è motivato a capirsi, coglie nel tempo che non è l’amore ad essersi esaurito, che il problema non è fuori ma dentro. Mentre spesso la depressione prende il controllo totale della volontà e porta a distruggere il Bene.

La cura nel femminile 

Contrariamente a ciò che dicono le statistiche, ovvero che le donne sono più colpite da depressione, viene da affermare il contrario. Le donne chiedono più facilmente aiuto, e questo può falsare le stime. Ma si sa che chiedere aiuto è già una forma di guarigione, ovvero una misura della salute potenziale. 

La donna accede alla cura tramite la relazione, la parola, il rapporto con l’altro. Forse perché è programmata dalla natura a divenire madre, a dare, a trasmettere e ricevere la vita (e ad arricchirsi e affinarsi grazie a tale scambio), è da un lato vulnerabile alla solitudine, al rifiuto e alla perdita, dall’altro basta che entri in un rapporto interpersonale autentico perché le sue risorse interiori si mobilitino nuovamente  e ricomincino a sprigionare energia. 

Le depressioni al femminile nel transfert terapeutico (se è vivo) spesso si sciolgono come neve al sole, ed è facile che l’assetto mentale che predispone agli incontri venga recuperato in tempi anche molto rapidi. 

Depressione maschile: che fare?

Così non è per l’uomo, più capace di superare le delusioni chiudendo definitivamente le porte del cuore e operando tagli netti, più in grado di riempire la solitudine grazie a distrazioni varie ma decisamente meno responsivo alla relazione in termini di innesco di grandi mutamenti interiori. 

L’uomo, in rapporto alla donna (ma anche nella relazione d’aiuto) anche quando ama davvero tendenzialmente si appoggia. Per usare una metafora egli tende ad assorbire passivamente i raggi del sole che lo scaldano finché, raggiunta la temperatura, l’effetto piacevole inizia a svanire e bisogna aumentare la dose.

L’uomo quindi vive la relazione più come una dipendenza, un traino che dà sì sollievo, ma come tutti i rimedi non è durevole nell’effetto ristoratore. È come se faticasse a trasformare il rapporto da un rifugio a uno stimolo che smuova delle cose dentro di lui, in primis il desiderio di guarire, di combattere per  tornare a vedere la luce. 

Per questo la relazione in sé non lo salva, per questo ogni “io ti salverò” femminile è condannato allo scacco quando in gioco ci sono problematiche emotive profonde.

Come aiutare un depresso che ha tutto, la donna, la famiglia, i beni affettivi e materiali resta una bella sfida. Se non ci sono riusciti loro, come può uno psicologo una volta alla settimana? In realtà l’incontro con uno specialista, se si smarca da questa logica del dare, potenzialmente può incidere parecchio. 

L’orizzonte resta quello dell’amore, senza un transfert positivo non si va mai molto lontani. Ma il terapeuta che riesce a sostenere il senso di impotenza che il contatto con la depressione sempre porta con sè, che non cede all’idea che il contesto del paziente sia inadeguato ponendo se stesso come la vera guida, che sa quindi cancellarsi pur essendo lì può far sperimentare qualcosa di nuovo.

Ovvero la possibilità, per l’uomo sofferente non immediata,  di “usare” la relazione con l’altro non per appoggiarsi ma per indagare se stesso uscendo dalle categorie mentali con le quali usualmente si valuta.

Il dramma del depresso è l’essere congelato dentro l’insensatezza: pur sapendo tutto del proprio disagio, come è nato ecc… egli è convinto che non ci siano speranza né salvezza. È arreso alla sua inettitudine e alla disperazione  come a  dati ineluttabili, ci si è scavato dentro una nicchia fatta spesso di stordimenti e abusi alcolici, di rassegnazione e visione distorta di sé.

Accomodato così a trattarsi come un “disabile mentale”, inchiodato al pensiero fisso della perdita e delle occasioni mancate, quando capisce che la terapia spinge troppo verso la normalità, verso l”alzati e cammina” (come fa in generale la famiglia, la moglie ecc…) può sfuggire a gambe levate. 

E qui si vede bene il filo sottile sul quale si regge la professione d’aiuto: esserci, non chiedere e non dare niente, avere fiducia, non spingere, rilanciare, non insistere. Ma soprattutto grande capacità di fare da specchio alla positività rispetto alla quale il paziente è come cieco, senza gesti o modalità eclatanti. In attesa che qualcosa di nuovo prenda corpo da sé, una visione, una convinzione, un tentativo fuori serie, uno scatto non destinato all’implosione.

Male oscuro

Altri articoli sulla depressione

Elogio della malinconia

C’è una differenza enorme fra la melanconia clinica e tutto ciò che definiamo genericamente come malinconia. Così come non possiamo ridurre la malinconia come stato d’animo alla depressione patologica, benché condivida con essa alcune caratteristiche.

Leggi l'articolo

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Leggi l'articolo

Il complesso della madre morta parte due: particolarità del transfert

La figura della madre morta di Andrè Green la ritroviamo in molti quadri clinici caratterizzati da un clima depressivo di superficie che sottende una ferita antica in relazione alla persona della madre. 

Leggi l'articolo

Depressione mascherata

Un interrogativo angoscioso che muove molte domande di aiuto nella contemporaneità ruota attorno alla questione della perdita o dell’assenza tout court della così detta “forza interiore”, da intendersi non riduttivamente nell’accezione di mera forza di volontà ma più ampiamente in quella di robusta energia vitale.

Leggi l'articolo

Cedere alla depressione, la via più facile

Lo psicoanalista francese Jacques Lacan sosteneva che la depressione in molti casi, quelli più comuni e meno gravi, fosse la conseguenza di una sorta di " viltà morale", legata alla fatica di sostenere la vitalità del proprio desiderio più intimo.

Leggi l'articolo

Depressione: alcune differenze di genere

Nell’ascolto della sofferenza depressiva si possono cogliere delle sfumature specifiche che riguardano rispettivamente gli uomini e le donne.

Leggi l'articolo

La depressione: i benefici della parola

Il discorso contemporaneo, nonostante parli molto di depressione, non la ama per nulla. La considera un deficit, una malattia, qualcosa da estirpare e togliere di mezzo il più velocemente possibile. La medicalizza. Ora, se esistono certamente forme la cui gravità non fa venire nessun dubbio sull' opportunità di un intervento terapeutico diretto e mirato ad un loro alleggerimento, la maggior parte dei casi trattati attraverso la mera via farmacologica in realtà ha migliori possibilità di riuscita con un approccio che integra l'uso della parola.

Leggi l'articolo

Depressione da confort

La depressione è un affetto che colpisce l’essere umano ogni qualvolta fatica a venire a patti con una perdita significativa. Si può trattare della morte di una persona, di una delusione amorosa, di un de mansionamento lavorativo, di una malattia. Tutte situazioni caratterizzate dall’irruzione di un elemento che destabilizza il tran tran quotidiano, mettendo fortemente alla prova la capacità di farvi fronte da parte di colui che ne viene colpito.

Leggi l'articolo

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

Leggi l'articolo

Mania e depressione: "una mente inquieta"

"Una mente inquieta" è il racconto autobiografico di Kay Redfield Jamison, psicologa americana affetta dalla sindrome maniaco - depressiva (detta altresì disturbo bipolare).È un testo molto interessante, perché coniuga in maniera inedita il racconto dell'esperienza della malattia con le conoscenze scientifiche possedute a riguardo dall'autrice.

Leggi l'articolo

Disturbo bipolare, personalità borderline e schizofrenia: quali differenze diagnostiche?

Il disturbo bipolare (sindrome maniaco-depressiva) non è immediatamente riconoscibile dal disturbo borderline di personalità, perché entrambi hanno in comune una serie importante di sintomi. Inoltre, essendo presenti nei due casi sintomi psicotici, si può creare confusione con la schizofrenia.

Leggi l'articolo

La depressione: eccesso o mancanza dell’Altro

In psicoanalisi, soprattutto all’interno della corrente lacaniana, parliamo spesso di Altro con la A maiuscola. Ma che cosa intendiamo quando parliamo di questo Altro? E cosa ha a che fare con la depressione?

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961