Chi è uno psicoanalista "lacaniano"?

Con il termine psicoanalista lacaniano indichiamo il professionista che pratica la psicoanalisi ispirandosi all'insegnamento dello psichiatra, psicoanalista (e di fatto filosofo) francese Jacques Lacan (1901-1981), portandone avanti l'eredità tramite un atteggiamento di ricerca e di interrogazione continua a partire dalla clinica incontrata nel qui ed ora del tempo presente.

In cosa consiste concretamente il principale lascito di Lacan per un clinico al di là delle stimolanti speculazioni che tutt’ora impegnano intellettuali e filosofi nell'interpretazione della complessità del suo pensiero? Perché è ancora così moderno per chi si confronta con il malessere psichico? E come opera lo psicoanalista post lacaniano alle prese i nuovi sintomi e le nuove dinamiche psichiche, già prefigurate dal maestro?

Esiste una clinica 'classica', descritta già da Sigmund Freud, che Lacan riprende, rilegge, commenta, espande a partire dal concetto di inconscio 'strutturato' come un linguaggio. I sintomi di cui patiscono i soggetti 'nevrotici' non rappresentano altro se non la stessa 'lingua' dell'inconscio, che si esprime attraverso metafore. Allora, ad esempio, una contrattura muscolare inspiegabile (sintomo corporeo) o un pensiero fisso (sintomo perturbatore dell'attività di pensiero) possono essere letti come simboli di qualcos'altro, di pulsioni, di idee inconsce, rimosse. Queste trovano il modo di 'dirsi', di rivendicare il diritto alla loro parola, andando a mettersi di traverso alla volontà cosciente, all'illusione di controllo e di sintesi operata dall'Io.

Il grande merito di Lacan è quello di aver messo in valore la dimensione dell'inconscio come frattura nella compattezza egoica. Il noto principio cartesiano "cogito ergo sum" viene messo radicalmente in discussione. L'illusione di essere, di consistere attraverso l'esercizio della razionalità viene smascherata dalla presenza dei sintomi, sentinelle dell'inconscio, dalla realtà universale della 'divisione soggettiva'. Nessun uomo coincide con se stesso, ciascuno di noi è sempre altro rispetto a ciò che crede di essere. C'è una cecità strutturale verso noi stessi. Siamo creature contraddittorie, 'divise' appunto. La malattia nevrotica sorge dal rifiuto della complessità interna, da un “non volerne sapere” in nome del miraggio narcisistico della riunificazione nell' 'Io sono'.

Nel sostenere ciò Lacan si colloca in una posizione critica nei confronti dei così detti 'post' freudiani e per certi versi contro Freud stesso. Il quale sì, scopre l'inconscio e i suoi meccanismi, ma resta abbagliato dall'ideale ossessivo di poter riassorbire tutto l'Es nell'Io. Su questa scia la corrente della ‘Psicologia dell'Io’ sostiene l'esistenza di una 'zona dell'Io libera da conflitti' , e fa coincidere la fine dell'analisi con la riconquista della padronanza perduta. Cosa del tutto errata per Lacan: la fine analisi consiste al contrario con l'assunzione della propria contraddizione interna, nell'ottica di un'alleanza non difensiva con la parte scabrosa, scomoda e mai liquidabile una volta per tutte di noi stessi. Il dinamismo dato dal conflitto viene valorizzato come elemento vitale e la sua accettazione porta con sè l'attenuazione sintomatica, perché il sintomo che grida le ragioni dell'Es non è più indispensabile all'inconscio per farsi finalmente ascoltare.

Desiderio è il nome dell'inconscio, desiderio è il nome di ciò che ci tormenta se non gli prestiamo ascolto, se rifuggiamo dal prenderci la responsabilità di capirne il messaggio e di seguirne la chiamata. Anche e soprattutto quando il percorso comporta deviazioni dalla strada più comoda, più sicura, più nota...

La modernità di tale insegnamento allora è del tutto evidente e le ricadute nella pratica clinica molto chiare. Anche oggi gli uomini sono confrontati con la questione intima, profonda del proprio desiderio. E ciò nelle varie età della vita. Da bambini, quando c'è ancora la dipendenza dall'Altro genitoriale ma già si mostra il tratto soggettivo. Notoriamente da ragazzi, quando l'interrogativo di fronte al futuro costituisce il sottofondo costante delle giornate. E poi da adulti, nel momento in cui le scelte compiute inchiodano alla verità: ho seguito davvero le mie passioni? Ho rischiato? Sembra contro intuitivo ma il momento della supposta pienezza, la vita adulta, spesso coincide con quello del risveglio: ho vissuto davvero la mia vita oppure il sogno di un Altro? E perché? Molte psicoanalisi iniziano così, a quaranta, a cinquant'anni, e possono invertire un destino già segnato, far risorgere la vita dalla desertificazione dell''ormai'.

Ma i tempi moderni sono anche quelli della eclissi del desiderio. Non della sua negazione nevrotica ossessiva, non del suo inconcludente rilancio isterico, ma della sua cancellazione (tecnicamente “forclusione”) generalizzata. Oggi, venendo a mancare un principio di stampo paterno solido sia nei termini di limitazione che di identificazione, ci troviamo di fronte ad un dilagare di pratiche di ‘godimento’ sganciate dal desiderio, dalla pulsazione vitale che produce qualcosa di costruttivo. ‘Tutto e subito’ è l’imperativo presente, la pulsazione c'è ma è maniacale, convulsa, non regolata, non incanalata, troppo impaziente, troppo intollerante della benché minima frustrazione. Se l’assunzione del desiderio comporta la possibilità dell’errore, dello sbandamento, del ‘provarci e riprovarci’, la vita in nome della soddisfazione immediata diventa dissipazione, ricerca acefala della sensazione del momento, dipendenza. L’abuso di droghe, le relazioni ‘usa e getta’ , la prevalenza dell’oggetto sul soggetto e lo scambio profondo e rispettoso fra pari, la depressione ‘da comfort’ , l'ansia non contenuta che diventa panico, rivelano il fondo mortifero e autodistruttivo della pulsione non sottoposta ad alcuna interdizione. Il soggetto si perde, lentamente scivola nell’abulia o nel rapido spegnimento di ogni barlume di iniziativa.

Che fare allora in questo scenario, già previsto dalla capacità visionaria di Lacan?

Alcuni post lacaniani, italiani e non, stanno producendo importanti lavori a proposito. Anche autori non strettamente lacaniani (ma comunque suoi lettori) stanno andando in questa direzione. Si formano così gruppi di lavoro, scuole, istituti dove si pratica la psicoanalisi e si maneggia, si problematizza, si discute il dato clinico odierno. La solitudine dello psicoanalista viene così arricchita (non negata) tramite il confronto con l’Altro e l’inevitabile ritorno a se stessa.

Tags: Aiuto psicoterapeutico , Psicoanalisi lacaniana

Cerca nel sito

Seguimi su

Articoli più letti

Depressione al femminile nella contemporaneità

La donna, rispetto all'uomo, si trova più esposta all'esperienza della depressione. Questo perché per sua struttura ha un rapporto più stretto con la mancanza, con la vulnerabilità, con il non avere. Tendenzialmente l'uomo trova più facilmente una gratificazione nel possesso, nel potere, nella conquista.

La depressione: un affetto molto umano

In psicoanalisi parliamo più di affetto depressivo che di depressione. La depressione è un affetto perché è intimamente legata al nostro sentire, alla sua gamma di tonalità e sfumature.A rigore dunque non è una malattia ma una possibilità strettamente connessa alla natura umana.

Depressione: perché è così difficile trattarla oggi?

Tutti i clinici lo sanno, la depressione è il sintomo più diffuso e più camaleontico della contemporaneità. Se nessuno può dirsi completamente immune da affetti depressivi, data la natura strutturalmente lesa dell'uomo, è pur vero che oggi essi sembrano accompagnare moltissimi soggetti nel loro quotidiano, alternandosi, anche più volte in un breve lasso di tempo, a transitori momenti di euforia

Contrastare la depressione: il potere della parola

Nessun essere umano può dirsi non attraversato da mancanze, insufficienze e conflitti. Nessuno vive una condizione di perenne e permanente completezza, autosufficienza, perfezione. Credere che qualcuno la sperimenti è solo un miraggio della mente. Ferita, lesione, perdita, fragilità sono invece tutti termini che ben descrivono la natura dell'uomo, costitutivamente povera, vulnerabile, alle prese con un mondo che non offre solidi, visibili ormeggi.

La psicosi maniaco depressiva e il tempo: una lettura fenomenologica

Eugene Minkowski, medico e studioso appassionato di filosofia, è oggi considerato (assieme all'amico Biswanger) il principale esponente della psichiatria fenomenologica del Novecento.

La depressione giovanile

Esiste una peculiarità della depressione che affigge il giovane adulto? La sofferenza depressiva fra i venti e i trent'anni sottende cioè un denominatore comune, al di là della particolarità delle vicissitudini singolari?
Un punto ricorrente nelle storie dei giovani che inciampano in una depressione sembra essere la difficoltà di realizzazione personale. In primo piano appare la sensazione di essere come sospesi in un limbo, senza una collocazione definita nel mondo, un posto certo da occupare, una vocazione da seguire.

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961

Note legali

Gli articoli, i post, i pensieri in versi e tutti i contenuti testuali originali presenti sul sito sono di esclusiva proprietà della dott.ssa Sibilla Ulivi, ed è vietato copiarli o distribuirli.
Vedi le Note legali.