Filofobia - paura d’amare

“Naturalmente sono anche filofobico” mi disse una volta “en passant” un paziente, mentre cercava di chiarire la natura composita dell’angoscia di cui pativa nelle relazioni  e l’effetto invalidante che essa aveva nella sua vita.

Aveva letto il termine su un articolo di un rotocalco femminile che gli era stato passato, corredato di una serie di sottolineature significative,  dalla sua compagna dell’epoca, esasperata dagli infiniti tira e molla. Il fatto che esistesse una parola che così bene codificava il suo disagio nei rapporti amorosi era stato un sollievo ed una pena.  Si riconosceva e temeva di non avere vie d’uscita, ma fortunatamente nel suo caso ci pensò prima la terapia e poi la vita a smentirlo.

Cos’è la filofobia

Cosa è dunque questa filofobia, che alla lettera significa paura dell’amore? È davvero un problema specifico da combattere con strumenti  ad hoc o, come acutamente intuiva il giovane paziente, un correlato di una problematica più ampia? 

La fobia dell’amore, ovvero la tendenza a provare stati intensi di angoscia in presenza dell’oggetto amato con conseguente spinta a fuggire, tende a riguardare più gli uomini, anche se non mancano rappresentanti del sesso femminile che avvertono internamente un disagio simile. La differenza fra i sessi  in realtà non sembra però riguardare la paura in sé quanto la modalità messa in campo per fronteggiarla; l’uomo, nonostante la sua appartenenza al sesso forte, generalmente cede più facilmente alla ritrosia, mentre la donna razionalizza di più certe dinamiche  e appare quindi più attrezzata a non lasciarsene travolgere. Inoltre se nell’uomo tale paura cresce con l’intensificazione del rapporto, nella donna decresce mano a mano che ella acquista fiducia e confidenza.

È soprattutto intorno a quest’ultimo punto, quello relativo alla confidenza, che si determina il grado di sintomaticità della paura. In una certa misura avere paura di una relazione nascente è umano e inevitabile: innamorarsi espone a molti rischi, in primis a quello del rifiuto e dell’abbandono. Una volta però che si cade sul morbido dovrebbe poi andare da sé un successivo lasciarsi andare rilassato, con la fiducia che l’esperienza rassicurante si ripeterà. La maggior parte delle persone supera la diffidenza proprio grazie all’amore, mentre al filo fobico accade esattamente il contrario: più assaggia il piatto dolce dell’amore più ha bisogno di fare un passo indietro, in preda ad  attacchi violenti di angoscia se non di vero e proprio panico. 

Si capisce allora come non sia possibile che la così detta filofobia costituisca un problema a se stante, sganciato dal resto della personalità. In gioco non c’è solo un carattere ansioso, insicuro e bisognoso di conferme. Se così fosse, basterebbero le rassicurazioni. Invece è proprio al culmine della felicità  della corresponsione amorosa che chi ha paura di sentirsi preso dal sentimento amoroso scappa a gambe levate. Non sono infrequenti i racconti delle donne che, dopo serate o fine settimana “magici”,  vedono i loro corteggiatori dissolversi come neve al sole, lasciandole in preda a mille domande che non trovano una risposta logica. Dopo del tempo essi si rifanno vivi spinti dal sentimento struggente della mancanza. Il problema sembra superato e poi, all’improvviso, si ripresenta, in un’alternanza di avvicinamenti e prese di distanza potenzialmente infinita e sfibrante per chi la subisce. L’amore, così maltrattato può (non sempre) sbiadire e infine perire prima di tutto in chi era disposto a viverlo in tutta la sua pienezza.

Un atteggiamento ondivago  di questo tipo si riflette non solo nelle relazioni d’amore ma anche in quelle d’amicizia, in cui però non fa danni perché il luogo dell’amicizia è più facilmente sgombro da aspettative e più tollerante verso le esigenze di “ritiro” dell’amico. Il partner in amore invece fatica a tollerare tutto, altrimenti sarebbe solo un amico. Il rapporto amoroso per sua natura esige una quota di dipendenza, che non è dipendenza tout court (ovvero appoggiarsi all’altro in maniera simbiotica e soffocante) ma piuttosto il sentire un senso di sicurezza stabile rispetto all’essere voluti, all’essere preziosi e indispensabili per l’altro. Per questo ogni allontanamento inspiegabile è un colpo, che, sommato agli altri può portare infine all’agonia dell’amore.

Le cause profonde 

La filo fobia così descritta si collega nella quasi nella totalità dei casi a una ferita emotiva profondissima, tuttavia molto difficile da scandagliare anche in psicoterapia. 

Qualcosa è come cristallizzato, impermeabile a qualsiasi indagine, chiuso in se stesso. Sentirsi presi da un sentimento che ha il sopravvento sulla razionalità è troppo doloroso, attiva delle paure ataviche ma non ben descrivibili e circostanziabili. 

Forse esse hanno a che vedere con un abbandono subito nell’infanzia da parte di chi era il punto di riferimento. Il rifiorire di un sentimento vivo riattiva inconsciamente  il trauma. La bellezza della rinascita amorosa attira come una calamita la tenebra del lutto subito e mai superato. Nel tentativo disperato di evitare l’abisso si rinuncia  alla vita, così bella ma così acutamente dolorosa, per preferire la cittadella della grigia, solitaria ma immensamente più rassicurante routine. 

Chi ha paura di amare secondo questa logica  molla il colpo perché non ce la fa, non perché è sadico o cattivo verso l’amato. È come uno che si strappa un dente da solo per evitare che saziarsi con il cibo prelibato significhi perdere tutti i denti. 

È straziante per lui, e spesso è il dolore della perdita autoinflitta, della sua stessa rinuncia  a condurlo verso quel movimento di riavvicinamento, destinato molte volte nuovamente allo scacco.

Vie d’uscita?

Forse chi sta dall’altra parte, intuito il problema, dovrebbe armarsi di tutta la pazienza e di tutta la grazia possibili. Lasciando le sue braccia aperte all’abbraccio, senza, ahimè, aspettarsi nulla, senza recriminazioni, rabbie. Testimoniando  la possibilità di un amore stabile, irragionevole e fermo, qualsiasi cosa accada. Andando avanti però con la propria vita, aspettando senza stare fermi, offrendo l’amore assoluto, quello disinteressato, i cui confini con l’amicizia non sono più così chiari. 

Allora non sempre vivranno tutti felici e contenti, e non ci sarà il finale rosa per tutti. Ma la sopravvivenza dell’amore nell’amato potrà, forse, scaldare un po’ la landa desolata del cuore del fuggitivo e accendere il lui il desiderio di arrestare in qualche modo il ciclo di ripetizione che tiene tutti in scacco.

Nessuno viene salvato interamente dall’altro, ma nessuno si salva da solo. Un movimento congiunto è indispensabile per superare la paura d’amare, se viene meno un polo della relazione l’altro inevitabilmente si perde. Molte “guarigioni” di filofobici si spiegano così, uno sforzo senza sforzo, dove infine prevale la bellezza del trovare la luce che annulla ogni faticosa ricerca. 

Disagio contemporaneo

Altri articoli sull'amore

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Elogio dell’amore: parla Alain Badiou

Alan Badiou, nella nota  intervista con Nicolas Truong, dà inizio alle sue riflessioni sul tema dell’amore partendo dal fenomeno contemporaneo dei siti di incontri. 

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Paura d'amare

Sembra un paradosso, eppure accade. Capita di aver paura d'amare, di temere proprio la fonte stessa della felicità. E questo non soltanto quando non siamo sicuri dei sentimenti dell'altro. Al contrario è proprio nel momento in cui l'amore è pienamente, intensamente ricambiato che irrompe l'angoscia.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

La dipendenza affettiva

Dipendere affettivamente da qualcuno non è molto diverso rispetto al divenire schiavi di una droga. Come si riconosce questa condizione di sudditanza? Il segnale più classico è l’impossibilità da parte di uno dei due partner di chiudere una relazione nonostante questa abbia effetti distruttivi sulla sua emotività.

Leggi l'articolo

Amore e tradimento

Mancanza, insoddisfazione e desiderio d’altro, anche quando non sono coscientemente percepiti, sono sempre presenti nella dinamica psichica di chi tradisce.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

L’amore è una supplenza?

Secondo lo psicoanalista francese Jacques Lacan, l’amore è ciò che supplisce all’inesistenza del rapporto sessuale. Che vuol dire quest’ affermazione? Che significa asserire che non esiste rapporto sessuale? E cosa c’entra l’amore a riguardo?

Leggi l'articolo

Sofferenza femminile e riduzione a “donna oggetto”

La donna, come insegna la psicoanalisi, occupa necessariamente una  posizione di oggetto in relazione alla mera pulsione sessuale dell’uomo.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Arrivare subito al sesso ostacola l’amore?

Esistono  situazioni in cui il sesso, anziché avvicinare i partner, irrimediabilmente li divide. Tipicamente sono quelle in cui i due si incontrano, si incuriosiscono, chiacchierano un po’ e dopo poche ore finiscono a letto.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961